Filippo Giardina e la stand up comedy italiana a-social-e

Conosco (virtualmente) Filippo Giardina da un paio d’anni, e, dopo aver visto quello che ha combinato con Lo ha già detto Gesù credo sia un fottuto genio. Capiamoci subito: Filippo non è un comico della risata facile&felice alla Checco Zalone o anche alla Saverio Raimondo. Filippo Giardina porta sul palco un’onda di risate che appena si infrange ti lascia una faccia piena di cazzotti. Che a un certo punto più ridi, e più sai che arriverà quella frase che stravolge il senso di quanto detto per 5 minuti e ti farà pensare che in fondo sei un po’ uno stronzo. Ma senza mai sentirtelo dire da lui. Ed è lì che secondo me sta il genio.

“Sorrisi e battute? E per chi mi hai preso per Checco Zalone? A me, che ho trasformato la mia antipatia in un mestiere?”

Per capire meglio il senso di quel che sto dicendo non c’è niente di meglio di vedere Lo ha già detto Gesù, che da una settimana circa è disponibile gratuitamente su YouTube e che ho avuto l’onore di vedere durante la Premiere Live.
Nell’articolo parlo di come Filippo Giardina abbia negli anni amato (poco), odiato (tanto) e sperimentato (tantissimo) i social network, e del coronamento di questi esperimenti nella Premiere di Lo ha detto Gesù a Ottobre 2019.

filippo-giardina-stand-up-comedy-italia-

 

Breve bio di Filippo Giardina

Sticazzi (come direbbe dire lui) credi davvero che ti faccia un excursus approfondito sul curriculum di Filippo Giardina? La sua biografia è sintetizzata su Wikipedia e puoi leggerla lì [Bibliografia a fine articolo].

Filippo, per inciso, ma farti fare un sito per benino ti pareva brutto, taccitua?! Quando vuoi ci sono eh… è il mio lavoro!

Per sommi capi comunque, Filippo Giardina è il comico che ha portato la StandUp Comedy in Italia (si esibisce dal 2001), fondato Satiriasi (2009), fatto tv dal 2013.
Praticamente è uno dei mostri sacri della Stand Up Comedy italiana, e fra la passione per bocchini, spazzoloni, e psicoterapia, in questi anni ha dato prova di saper far ridere e pensare senza fare il grillo parlante.

 

Sesto Potere (2013)

Sesto Potere è uno spettacolo di Filippo Giardina completamente incentrato sui social network. L’idea principale di Filippo Giardina è che se Quarto Potere nel 1941 denuncia il potere politico/sociale della stampa, e Quinto potere del 1976 quello la televisione, non c’è dubbio che il Sesto Potere che controlla le masse sono i Social Network. Onestamente non ho visto l’intero spettacolo perché non è recuperabile online (ironia della sorte).
Per fortuna lo show viene condensato in un monologo per Comedy Central, e questo monologo si trova su YouTube (ovviamente non caricato da Filippo Giardina…) e lo trovi qua sotto.
Sono 8 minuti di risate autoironiche su come usiamo gli strumenti digitali con una conclusione che voglio riportare:

Se tutti diciamo la nostra su tutto, sarà come non poter dire nulla su niente. Perché ogni opinione, anche la più interessante, affogherà in un mare di rumore.

 

Che cosa è Facebook (2013)

Questo monologo della Quinta Stagione di Satiriasi parte con la dimostrazione empirica e parecchio divertente di una tesi: che il pubblico su internet è facilmente manipolabile.
Filippo Giardina quindi enuncia una serie di aneddoti della sua vita su Facebook che potrebbero essere successi a chiunque (e non è detto fra l’altro che siano tutti davvero accaduti a lui, ma sono di certo verosimili) e i 10 minuti di monologo volano facendoti pensare a quanti amici nella tua cerchia corrispondono ai tipi che Filippo incontra online. A sto giro non spoilero nulla perché si perderebbe l’effetto comico di alcune gag davvero fenomenali.

Fatto in casa (2017)

Nel 2017 intervisto Filippo Giardina per un esperimento social (Facebook) chiamato “Fatto in casa“: il primo talent show in onda unicamente sui social media e realizzato rigorosamente in casa con due amici. Un incrocio fra i The Pills, X Factor e una Peroni da 66cl gelata. Quando intervistai Filippo Giardina in diretta sulla mia pagina Facebook per parlare di comicità e innovazione, ne uscì una diretta fiume piena di domande da parte dei fan, momenti di imbarazzo perché volente o nolente veniamo da due mondi molto diversi (il teatro e l’ingegneria) e una serie di aneddoti e battute inedite da parte di Filippo che a mio avviso rappresentano la puntata più divertente di tutta la mia stagione di interviste live.

Praticamente ho sverginato alle live social Filippo Giardina, e senza l’uso di spazzolone.

Poi è partito Fatto in casa, che secondo me è stato il classico esempio di colpo di genio precursore dei tempi.
Si creò una community estemporanea che andò avanti per 3 mesi a commentare e votare ogni puntata, discutendo le scelte dei giudici che si alternavano anche come cantanti.
Nonostante il numero di visualizzazioni inferiore alla media degli altri video di Filippo Giardina, Fatto in casa è un format che cova un potenziale devastante, e quando i social avranno una forma diversa dalla attuale connotazione di Facebook penso che torneremo a sentir parlare di questo formato di show.

#CHIEDIAIUTO (2017)

Questo è un breve esperimento Facebook in 3 video in stile Pubblicità Progresso, all’interno di una fantomatica campagna di sensibilizzazione all’uso corretto dei social network chiamata #CHIEDIAIUTO.
In questi video Filippo sembra veramente serissimo, a livello che secondo me neanche a un funerale sta così serio. Qui sotto trovi uno dei 3 video, quello più visto, che parla di foto sui social network.
Alla fine penso siano stati un esperimento preparatore per il successivo show, Lo ha detto Gesù, dato che ne richiama i temi ma non le forme. Lo spettacolo uscirà infatti di lì a poco e girerà l’Italia per quasi 2 anni.

Lo ha già detto Gesù

Con Lo ha già detto Gesù Giardina gira i palchi d’Italia per ben 2 anni. Qui i miei due centesimi (non richiesti) sullo show:

Lo spettacolo è una bomba di politically incorrect “progressista” e colpisce a botte di risate i principali luoghi comuni dei trending topic recenti (femminismo, incel, culto della persona sui social media…).
Filippo Giardina usa un linguaggio adulto e approccia i temi con l’accetta e senza tabù. Proprio per questo viene amato dal pubblico e risulta indigesto ai cosiddetti radical chic, quelle elite veterosinistre che spacciano per progressista la loro natura di snowflake parvenù.

Detto questo, e tolto una chilata di sassolini dalle scarpe, parliamo della nuova sperimentazione social di Filippo. Perché tanto c’è già il video dello show embeddato qua, per cui potrai trarre da solo il resto delle conclusioni.

La Premiere YouTube di Lo ha già detto Gesù

Finita la tournée teatrale Giardina decide di “immolare” Lo ha già detto Gesù regalandolo al pubblico in un funerale vichingo, con un evento di Live Premiere su YouTube.
Non so se conosci i meccanismi di YouTube, ma da un annetto puoi pubblicare il tuo video in modalità Live Premiere, ovvero effettuando la trasmissione come se fossi dal vivo, commentando con gli spettatori sulla pagina del video persino con giorni di anticipo. Il che ovviamente è totalmente diverso rispetto a sparare il video sul canale e vedere le view crescere, ma è anche totalmente diverso dal parlare su un palco, poiché sul palco il pubblico lo hai di fronte, invece in questo caso sei seduto con centinaia di persone a commentare in diretta le cazzate che dici e vederne le reazioni mentre avvengono.

Confesso di non aver visto lo spettacolo al teatro prima della Premiere YouTube per delle ragioni (dal mio punto di vista) molto valide: odio i posti pieni di gente e sono pigro. Per cui ho assistito allo show online per la mia prima volta, e sempre per la prima volta ho assistito a uno spettacolo così elaborato dal vivo su internet e insieme a così tanta gente.

Cioè vedo video dalla mattina alla sera come tutti, ho Netflix e Prime Video. Ma quel tipo di esperienza la fai da solo o in due sul divano, non con 200 persone che commentano dal vivo sulla pagina dell’artista. E ora che l’ho fatto posso dire che è stato una figata!

spazzolone-del-water-filippo-giardina-stand-up-comedy

Vedere la Premiere e commentarla sulla pagina YouTube con tutti gli altri mi ha in qualche modo offerto un senso di comunità che non avevo mai provato, e che è molto più stretto del classico live tweeting che la gente fa durante i programmi tv. Quando le persone commentano Sanremo o un reality su Twitter infatti fanno a gara a chi fa più il brillante, a chi fa la battuta più divertente per prendere più reactions. Quella non è una maniera sana e disinteressata di condividere una emozione o un pensiero.

Questa piacevole esperienza quindi la devo a Filippo Giardina ed è uno dei motivi che mi ha spinto a riassumere tutti i suoi esperimenti social in questo articolo.
La seconda motivazione è sempre un esperimento social collegato alla Premiere: per lanciare l’evento e raccogliere una massa di pubblico Filippo ha inondato Facebook e Instagram di post per una settimana intera. Ma ha deciso di non farlo con la sua faccia.

filippo-giardina

La ragazza dell’Est è Filippo Giardina

Non so se conosci la Youtuber chiamata La ragazza dell’Est, ma praticamente per una settimana lei ha interpretato il personaggio di Filippo Giardina sui canali social di Filippo (come puoi notare dallo screenshot). La ragazza dell’est è diventata famosa per una intervista da cui è scaturito l’ormai storico meme FOKKI FOKKI UE. Se avessi vissuto in una caverna afgana e ti fossi perso questo pezzo di storia dell’internet italiano, puoi recuperare guardandolo ora:

Confesso che le prime volte che ho visto questa ragazza parlare con lo stile e le parole di Filippo, l’effetto è stato decisamente straniante. Perché lei parlava in prima persona convintissima di essere Filippo Giardina, ma tu ovviamente vedevi un altro corpo e un’altra voce proferire le tipiche cazzate di Filippo.
La cosa più incredibile però è successa dopo 5-6 giorni, perché in pratica era come se il cervello si fosse abituato all’idea che lei fosse se non proprio Giardina, quanto meno il suo ambasciatore, e parlasse assolutamente in sua vece.

Lì ho capito una cosa: gli esseri umani sono geneticamente fatti per abituarsi a tutto, per cui sui social e nella vita siamo tutti sostituibili.
Ho capito inoltre che nonostante l’ostentazione che se ne fa su Instagram, nell’era digitale la cosa più superflua che possediamo è il nostro corpo fisico.

Non so quanto questa esperienza sia fruibile a posteriori, riguardando le storie rimaste in evidenza sul profilo Instagram di Filippo, poiché fondamentalmente ora le vedresti tutte una di seguito all’altra, mentre nella realtà il processo è stato lento e costante, ma se vuoi provare l’effetto in coda all’articolo lascio i link ai canali social di Filippo Giardina.

Adesso aspetto di vedere Formiche, il nuovo spettacolo di Filippo Giardina, possibilmente provando a vederlo dal vivo anziché soltanto fra due anni su YouTube…

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo con i tuoi amici! Inoltre ti consiglio di leggere lo speciale sul film vaporwave Blade Runner 2049 e l’intramontabile classico cosa è la vaporwave.

 

Sergio Pinto

Sogno un'Italia che produce idee culturali nuove e sperimenta forme nuove, e credo sia arrivato il momento di partecipare attivamente a questo cambiamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

13 − 10 =