Ostia Lido 1989 – la Vaporwave secondo Tito Machete

A questa intervista tengo particolarmente perché man mano che le domande vanno avanti, vado scoprendo quante esperienze e ricordi condivido con Tito Machete, l’autore di Ostia Lido 1989. Seguici in questa carrellata di feels vaporwave tra sample, rap, programmi tv estivi e sale giochi anni 80-90, al sapore di Maxibon e Festivalbar.

tito-machete-copertina-ostia-lido-1989-vaporwave-roma-2

 

[Ciao Tito presentati]

Chi è Tito Machete

Ciao, e grazie per quest’intervista!
Sono semplicemente un ragazzo con una passione smisurata per la musica e per i sample, che ha trovato nella Vaporwave la sua forma di comunicazione prediletta, per affinità sonore e comunicative.

Vengo da quella che probabilmente è una delle città più Vaporwave del mondo: Roma, la Città Eterna.

Da quanto suoni?

Da parecchio, circa 15 anni, ma ho cominciato a produrre professionalmente, se mi passi il termine, solo negli ultimi 5 anni.
Ho iniziato a dedicarmi seriamente solo dopo tutta una serie di avvenimenti personali che mi hanno fatto capire che questa era la mia strada, a prescindere dal poterla trasformare o meno in una professione, perché per me potermi esprimere tramite la musica è una necessità, oltre che una passione.

Quanti album/pezzi hai fatto finora?

Contando solo la Vaporwave, con Ostia Lido 1989, pubblicato presso la Power Lunch Corp, sono arrivato al quinto album.
Precedentemente ho pubblicato, nell’ordine: Cinecittàdue, Conad il Barbaro (entrambi self-released), Grande Ricordo Anulare (tramite la Bogus Collective) e Guilty Opheliac (tramite la Sunset Grid).
Attualmente, sono al lavoro al mio 6° album, previsto per l’autunno, ma ancora non ho una data certa.
Precedentemente ho pubblicato anche alcuni album classic rap, ma niente su cui valga la pena perdere tempo, e se ve lo dice chi li ha fatti…

Per quanto riguarda i pezzi singoli, invece, non saprei quantificare quanti ne ho fatti uscire, considerando che spesso partecipo anche a delle compilation; quantificando, ti direi che attualmente in circolazione ci sono almeno una settantina di pezzi Vaporwave targati Tito Machete, pezzo più pezzo meno, considerando che ne ho anche alcuni già consegnati che attendono solo appunto la release di determinate compilation prima che li possa rendere pubblici.

tito-machete-copertina-ostia-lido-1989-vaporwave-roma-guilty opheliac

Parlaci di Ostia Lido 1989

Ostia Lido 1989 è un tuffo in un passato che magari non c’è neanche mai stato, ma che tutti ricordiamo perfettamente.
Sono una serie di ricordi confusi, appartenenti ad anni diversi, fusi e mischiati in un’unica storia che vuole essere quanto più possibile identificativa per chi si trovasse ad ascoltarla.

Sono una sequenza di bei ricordi, magari tristi, aspri, amari, magari anche non ricordi nostri, ma di persone che conosciamo, sono i loro racconti, le loro storie, le loro emozioni, il tutto naturalmente filtrato attraverso il mio punto di vista.

Ho voluto raccontare una storia, indubbiamente mia, ma in cui potessero identificarsi più persone possibili, a prescindere dalla loro radice territoriale; o comunque, una storia che possa suscitare emozioni in chi si trovasse ad ascoltare uno qualunque dei pezzi dell’album, anche se separatamente, non per forza nell’ottica di un discorso collettivo tra le tracce, discorso che comunque c’è.

tito-machete-copertina-ostia-lido-1989-vaporwave-roma-4

Cosa vuoi comunicare con la tua musica?

Prevalentemente, un senso di nostalgia positiva, o comunque vorrei trasmettere delle vibrazioni che rilassino e confortino l’ascoltatore.

Mi fa piacere pensare che, da qualche parte nel mondo, c’è qualcuno che dopo una giornata stressante magari mette su un mio pezzo per rilassarsi, per farsi cullare e rilassare dai suoni, senza che per forza di cose gli trasmettano le stesse emozioni che trasmettono a me quando li produco.

Poi, ogni pezzo è una storia a sé, ma non mi interessa particolarmente che se ne colga il significato che intendo io, già sapere che ci si possa trarre un significato personale che può variare da ascoltatore ad ascoltatore per me vuol dire molto.

Sergio: Dall’ascolto mi pare evidente l’impronta vaporwave, nei campioni e nelle sonorità.

Cosa ti influenza e come vuoi che suonino i tuoi pezzi?

Voglio che i miei pezzi suonino puliti, innanzitutto.
Purtroppo nella Vaporwave, capita spesso di ascoltare pezzi che, nonostante l’impronta low-fi del genere, suonino male per mancanza di competenze tecniche, e tale mancanza viene troppo spesso giustificata e tollerata come scelta artistica.
Il mio obiettivo è di proporre una Vaporwave che suoni pulita, piacevole e professionale all’orecchio sia dei fans del genere che degli ascoltatori occasionali, perché un glitch, o un clip, o un white noise, quando non è voluto si sente.
Riguardo le mie influenze, cerco di ascoltare quanti più generi musicali possibili, ma non sono un fan delle derivazioni più estreme o hardcore dei vari macro-generi.
Prevalentemente, la mia formazione musicale riguarda l’Old School Rap italiano, la Golden Age Rap Era americana, ma anche il pop anni ’80 più commerciale ed il funk soprattutto da fine anni 70 in poi.
Per quanto riguarda la Vaporwave, il mio principale riferimento stilistico è Waterfront Dining, ma amo generalmente tutto ciò che è Classic Vaporwave o Vaporfunk.

tito-machete-copertina-ostia-lido-1989-vaporwave-roma-conad-il-barbaro

Cosa è per te la vaporwave?

E’ una seconda possibilità.
So che può sembrare esagerato, ma cerco di spiegarmi meglio: l’ho scoperta in un periodo molto significativo della mia vita, carico di cambiamenti e sconvolgimenti, non sempre positivi, e mi ha ridato fiducia in me stesso.
Avevo deciso di darci un taglio con la musica, o comunque di continuare a produrre solo per piacere personale senza però più pubblicare effettivamente quello che facevo sui canali social.
Quando ho scoperto che esisteva un genere che rappresentasse in maniera così calzante non solo i miei gusti in fatto di sperimentazione musicale, ma che inoltre si trovasse così in linea con il mio pensiero intellettuale nei confronti dell’attuale società in cui viviamo, ho pensato che valesse la pena rimettersi in gioco, perché tanto non avrei avuto comunque nulla da perdere.

Sergio: ho sentito anche un pezzo rap di cui hai curato la produzione: è il primo o ne hai fatti altri? Che tipo di lavori produci?

tito-machete-copertina-ostia-lido-1989-vaporwave-roma-1

Dove vuoi portare la tua musica?

No, in passato ho prodotto altri pezzi rap, ma fa parte del periodo in cui non avevo le competenze professionali di cui dispongo oggi, quindi si tratta di prodotti assolutamente amatoriali e di scarso appeal. Comunque, quando trovo persone con cui valga la pena di collaborare, sia dal punto di vista umano che professionale, non mi tiro mai indietro, come è stato nel caso della collaborazione con Krono di cui parli.
Generalmente, produco per la maggior parte del tempo Vaporwave, ma ogni tanto per staccare mi piace dedicarmi anche ad altri generi, dal lo-fi hip hop, all’Old School Rap.
Ogni tanto mi diverto anche a sperimentare qualcosa nei vari generi Dance, ma non saprei collocarmi in un genere, e anche se lo facessi sicuramente sbaglierei dato che non mi reputo un esperto in materia.

Per quel che riguarda la mia musica, vorrei semplicemente portarla ad essere ascoltata da quanta più gente possibile, poi tutto il resto di quello che verrà, sarà tanto di guadagnato per me.

tito-machete-copertina-ostia-lido-1989-vaporwave-roma-cinecittà-due

Nostalgia anni 80: ti manca di più Festivalbar o Giochi Senza Frontiere?

Guarda, per quanto abbia amato Giochi Senza Frontiere, ti dico Festivalbar, ma semplicemente perché all’epoca c’era una concezione diversa del vivere la musica.

Avevamo un canale come TMC2 prima, ed MTV poi, che trasmettevano solo videoclip in heavy rotation, e da quei videoclip potevi farti una cultura musicale al di là di quello che ti circondava nella tua vita privata, dalla famiglia, agli amici, ai compagni di scuola o colleghi di lavoro.
In tale contesto, il Festivalbar era un’allegra ed immancabile variante estiva, che proponeva la miglior musica easy-listening con cui divertirsi durante le vacanze.

Festivalbar era una sorta di Festival di Sanremo estivo, dove non per forza vinceva la canzone più bella, ma semplicemente c’erano tutte canzoni orecchiabili e ti andava bene così, perché senza il Festivalbar non ci sarebbe stata una OST ufficiale dell’estate, non ci sarebbe stata una costruzione sonora di ricordo collettivo, ma ci sarebbero state solo 2-3 canzoni che avrebbero raggiunto chiunque senza però essere collegate a nessun ricordo piacevole, semplicemente perché erano martellantemente collegate a tutti i ricordi.

Un po’ come succede oggi, a mio parere: ci sono quei 2-3 singoli tormentoni “cannibali” che senti sempre e ovunque, e tutta una serie di pezzi magari anche di qualità che però non emergono, se non a stagione finita, e magari nemmeno in maniera omogenea a seconda della fascia territoriale.
Anche ai tempi c’erano tormentoni, per carità, ma sono sicuro che chiunque, rileggendo una tracklist di un qualunque cd del Festivalbar, non può fare a meno di canticchiare mentalmente almeno la metà dei pezzi presenti; oggi con quanti pezzi potrebbe accadere?

Comunque, concludendo: se proprio dovessi riportare in vita dei programmi televisivi, andrei nei 90s e farei di tutto per far tornare Beato tra le donne, Furore, ed una versione di Sarabanda ancora più tarocca in cui tutto è palesemente ancora più finto di allora.

3 cose a cui sei particolarmente legato degli anni 80-90, di cui una delle 3 è un disco.

1) Le sale giochi ed i cabinati al bar. [a cui mi accodo in pieno. N.d.R.]
2) Il modo in cui si viveva il gioco del calcio, ed il calcio stesso come veniva inteso all’epoca.
3) Grand Theft Auto Vice City OstEmotion 98.3, che non è un disco propriamente anni 80 o 90, ma… andiamo dai, trovatemi qualcosa più anni 80 di questo disco!

Progetti per il futuro?

Come anticipato, al momento sto lavorando al mio prossimo album, che uscirà sempre su musicassetta, nel prossimo autunno, anche se al momento non ho ancora una data certa.
Dopodiché, qualunque altra cosa che sto per dirti è un progetto a lungo termine e conoscendomi chissà se e quando si realizzerà, anche perché solitamente quando annuncio qualcosa poi non succede perché mi capitano altre occasioni, quindi prendi con le pinze tutto ciò che scriverò d’ora in poi!
Naturalmente voglio pubblicare altri album, sperando sempre di migliorare e rinnovare il suono, e magari fornendo spunti o punti di partenza per innovare il discorso collettivo all’interno della Vaporwave.
E magari collaborare con qualche collega, sia in Italia che all’estero, ci sono tanti nomi all’interno della scena con cui vorrei collaborare ma con cui per un motivo o per l’altro non ci sono state possibilità o contatti.

Con alcuni di loro sono in contatto per creare un progetto particolare, ma è ancora in fase embrionale, quando però si concretizzerà il tutto ne vedremo delle belle.
Ma come detto prima, mi basta arrivare a quante più persone possibili in grado di apprezzare quello che faccio, poi tutto il resto che verrà sarà benvenuto.

sala giochi anni 80 anni 90 nostalgia

Live?

Al momento no, sia perché non ho l’attrezzatura adeguata per offrire una performance che vada al di là del cliccare play, ed al momento non posso permettermi spese massicce per nuova attrezzatura, sia perché in questo momento sono in una fase più di ricerca personale che di necessità di esibirmi.
Vedo comunque la musica come una forma di condivisione e divertimento comune, quindi sicuramente prima o poi mi metterò in gioco dal vivo, ma non è un qualcosa che ho in progetto di fare a breve.

Canali social di Tito Machete

Pagina Facebook di Tito Machete

Pagina Bandcamp per ascoltare Ostia Lido 1989 by Tito Machete

Paina Instagram di Tito Machete

Pagina Soundcloud per ascoltare tutte le produzioni di Tito Machete

 

Se questo articolo ti è piaciuto e ami la Vaporwave, condividilo con i tuoi amici sui social e aiutami a far crescere il sito Vaporwaveitalia.it
Ti invito inoltre a leggere l’intervista sulla vaporwave sperimentale a base di Videodrome di Spectacular Optical , l’intervista a Tassony per il lancio dell’EP Fininvest 1988. e l’intervista fresca di uscita alla band vaporwave Miroirs.

 

Sergio Pinto

Sogno un'Italia che produce idee culturali nuove e sperimenta forme nuove, e credo sia arrivato il momento di partecipare attivamente a questo cambiamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

35 + = 42